Stampa
Categoria: Pubblicazioni

DVD Atelier Chitarristico Laudense - cover

Il fondo repertorio para guitarra (y mandolino), comprende due importanti archivi  acquisiti in donazione e fatti digitalizzare dall'Atelier Chitarristico Laudense, con partiture chitarristiche (alcune anche per chitarra e mandolino e mandolino solo) provenienti dal Sudamerica di fine dell'ottocento e dalla mia raccolta privata (basata su fonti italiane). Molte di queste pubblicazioni non sono mai pervenute od editate in Europa prima della nostra acquisizione.

L'Atelier mette a disposizione il fondo su supporto digitale, contro solo il rimborso del puro costo materiale di produzione digitale e grafico, più  le eventuali spese postali per la spedizione al richiedente.

L'elenco puntuale del materiale si trova a questo link: DVD - Repertorio para Guitarra y Mandolino.

"La collezione musicale qui presentata proviene dalla donazione di due archivi all’Atelier Chitarristico Laudense, appartenenti a Mario Gioia a al sottoscritto. I due fondi sono confluiti naturalmente, essendo omogenei per datazione: infatti la collezione è composta da partiture (stampate o manoscritte) databili tra l’ultima decade dell’Ottocento e le prime del Novecento.

Il primo archivio contiene principalmente musiche per chitarra sola (100 brani) principalmente di autori sud-americani e spagnoli nonché manoscritti vari (15 brani); il secondo archivio contiene musica per e con mandolino (19 brani) e frammenti di spartito (45 brani), e in entrambi è contenuta una ricca messe di giornali musicali per lo più italiani (171 in totale) per strumenti a corda pizzicata e a plettro, strumenti ai quali si affianca occasionalmente la voce umana. La presenza di quest’ultimo tipo di materiale, che costituisce la parte più consistente del fondo, rivela un fenomeno del tutto peculiare collegato all’editoria musicale di quegli anni: la chitarra, in decadenza dopo i fasti ottocenteschi, è affiancata dal più giovane mandolino che gode del suo momento di massima popolarità. Le riviste sono qui rappresentate da ‘Il Mandolino’ - storicamente il primo giornale dedicato al solo mandolino essendo nato nel novembre 1892, ‘Il Concerto’ attivo dal 1896, ‘il Mandolinista italiano’ in due diversi vesti editoriali, ‘Il Plettro’ - attivo dal 1906, e la rivista francese ‘Estudiantina’, pubblicata dal 1905.

Si tratta di raccolte musicali interessanti perché contengono non solo composizioni di carattere leggero tipiche dell’epoca ma anche trascrizioni di celebri canzoni popolari (ad es. Funiculì-Funiculà di Denza per quartetto a plettro con canto) o di celebri arie di opere, come in uso dall’Ottocento. Si ritrovano per lo più nomi noti di chitarristi compositori, ma anche molti nomi di compositori non chitarristi, che all’epoca godevano di grande rinomanza (Becucci, Ivanovici, Waldteufel, Capitani, ecc).

Spiccano infine nella raccolta due manoscritti per chitarra probabilmente della fine dell’Ottocento, dell’ignoto maestro M. Lombardi e di anonimo, che provengono dalla collezione di Enrico Caruso (1873-1921).

Tutte le partiture sono state digitalizzate a 300 dpi (dot per inches) e sono fruibili in due formati, a colori e in 256 tonalità di grigi (corrette) per la maggiore facilità di stampa e studio. L’indice riporta tutte le informazioni ad oggi note sulle date (nascita e morte) dei rispettivi autori."

Dalla Prefazione di Marco Bazzotti


Per accedere al contenuto del DVD si apra “index.htm” con il proprio browser. Per aprire le partiture è necessario avere installato un visualizzatore per file PDF (come Adobe Acrobat Reader™, Foxit Reader, etc.)