Just Classical Guitar Club

il club degli amanti della chitarra con corde di nylon

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
E-mail Stampa PDF

Nicola Antonio Zingarelli

(1752-1837)

compositore napoletano, autore di una Cavatina per chitarra

Nicola Antonio Zingarelli fu un compositore del tardo Settecento e degli inizi dell'Ottocento. Nacque a Napoli, nel 1752. Figlio di un tenore, studiò al Conservatorio napoletano di S. Maria di Loreto, dove fu compagno di studi di Cimarosa. Nominato organista al Duomo di Torre Annunziata, protetto dalla duchessa di Castelpadano, rappresentò nel 1781 l'opera Montezuma, diventando in breve famoso in Italia e in Francia. Nel 1790 fu a Parigi, città che abbandonò in seguito alla Rivoluzione, e nel 1794 fu chiamato a dirigere la Cappella della Santa Casa di Loreto, dove compose molta musica sacra.
Nel 1804 divenne maestro di cappella in S. Pietro, a Roma e nel 1813 assunse la direzione del Reale Collegio di Musica a Napoli, dove ebbe altresì l'incarico di maestro in Cattedrale,
Stimato docente, ebbe tra i suoi allievi Bellini, Mercadante e Petrella. Come compositore godette di grande fama, mostrando una facilità di scrittura eccezionale. Scrisse più di quaranta opere teatrali, cinque oratori, ventitre messe a grande orchestra, dieci Requiem, sessantadue messe per voci ed organo, trentatre Dixit, diciotto Stabat, ventitre Te deum e altra musica sacra; compose inoltre cinquanta sinfonie, sonate per vari strumenti, e musica cameristica varia, alcune cantate, canoni e fughe.
In riferimento alla chitarra va ricordato per aver composto una Cavatina Che vago sembiante, che luci vezzose per canto e chitarra, pubblicata nel 1801 dall'editore Cappi di Vienna e da Gio. Ricordi, [1819] (Biblioteca civica Angelo Mai - Bergamo - BG - Mayr 246.5.1).