Stampa

Marco Aurelio Zani de Ferranti

(1800-1878)

un chitarrista e poeta bolognese

M. A. Zani de Ferranti

Marco Aurelio Zani de Ferranti nacque il 6 luglio 1800 (secondo altri 1801) a Bologna. Di famiglia benestante, con alcuni antenati Dogi veneziani ed altri, come Marco Antonio, musicisti rinomati del Settecento, dimostrò fin da giovane una propensione per la letteratura e la poesia, compiendo gli studi scolastici a Lucca. A dodici anni, dopo aver assistito ad un concerto di Paganini, iniziò a studiare il violino, e divenne in soli quattro anni un ottimo esecutore.

Conobbe a sua volta la chitarra, e decise di dedicarsi alla pratica dello strumento sotto la guida di tal Gherli. Fece rapidi progressi e si fece conoscere ben presto come concertista.

A charcoal caricature of Zani de Ferranti

Nel 1820 si trasferì a Parigi, incontrando il favore del pubblico musicale. Sembra invece non avesse ottenuto consensi presso il mondo chitarristico parigino, raccolgliendo critiche per la sua tecnica esecutiva. Si spostò, forse per tali ragioni, dopo poco tempo, a Pietroburgo, lavorando come bibliotecario presso il senatore Miatleff, e successivamente come segretario del Conte Narischkin. Nei quattro anni di soggiorno russo Zani de Ferranti potè perfezionarsi nella tecnica chitarristica. Fece ritorno in Europa centrale e si esibì ad Amburgo come solista di chitarra, ottenendo un forte successo. La sua carriera si ampliò nel 1825, con concerti a Parigi, Londra e Bruxelles. In questa città fissò temporaneamente la sua dimora, a partire dal 1827, insegnando chitarra e letteratura italiana. Dal 1832 riprese l'attività concertistica, spostandosi in Olanda, Francia, Inghilterra, America e Italia, dove incontrò nuovamente Paganini dal quale ebbe modo di farsi apprezzare personalmente. Godette a quel punto di una fama di virtuoso dello strumento, tanto che, nel 1834 il Re Leopoldo del Belgio lo nominò "chitarrista onorario".

Continuò la strada del concertismo con esibizioni ancora in tutta Europa: non è del tutto accertata la sua unione artistica con il celebre violinista Camillo Sivori. Nel 1846 si stabilì definitivamente a Bruxelles, dove ebbe un incarico come insegnante di italiano al Reale Conservatorio di musica. Abbandonò lo strumento, che a sua volta era sceso di popolarità, e visse gli ultimi anni in non floride condizioni economiche. Si trasferì infine a Pisa, dove morì il 19 novembre 1878.

Come compositore per chitarra ha lasciato una trentina di opere dal carattere romantico-virtuosistico, tra cui fantasie e notturni per chitarra sola, nonché due polacche per tre chitarre.

Vanno menzionati anche alcuni suoi importanti lavori letterari, pubblicati in gran parte dopo la sua morte, come dei saggi e studi sulla poetica dantesca, un Gran Commentario sulla Divina Commedia, oltre a sue opere poetiche, la principale delle quali è In morte della celebre Maria Malibran de Beriot.

Produzione per chitarra di M.A. Zani de Ferranti

1. Opere per chitarra sola

2. Opere da camera con chitarra

3. Opere perse o inesistenti

3. Abbreviazioni

A.Gl Steiermärkische Landesbibliothek am Joanneum, Graz
A.Wgm Gesellschaft der Musikfreunde, Vienna
B.Bc Bibliothèque du Conservatoire Royal de Musique, Brussels
B.Br Bibliothèque Royale de Belgique, Brussels
B.Gc Bibliotheek van het Koninklijk Muziek-Conservatorium, Gent
B.Lc Bibliothèque du Conservatoire Royal de Musique, Liège
D.Bs Staatsbibliothek (Stiftung Preussischer Kulturbesitz), Berlin
D.MLs Landshauptstadt Munich
DK.Kc Carl Claudius Samling, Copenhagen
DK.Kk Det Kongelige Bibliothek, Copenhagen
F.Pn Bibliotheque Nationale, Paris
GB.FeA Ferranti family archives, Macclesfield, Cheshire
GB.Gs Library of the Guildhall School of Music and Drama, London
GB.RS Private collection of Robert Spencer, London
GB.SB Private collection of Stuart Button, Dorset
I.BT Biblioteca provata Benvenuto Terzi, Bergamo
S.Skma Kungliga Musikaliske Akademiens Bibliothek, Stockholm
US.CLP Cleveland Public Library, Cleveland, Ohio
US.MO Private collection of Matanya Ophee, Columbus, Ohio
US.NCu University of North Carolina, Chapel Hill
US.NYp New York Public Library, New York
US.PHf Free Library of Philadelphia, Pennsylvania
US.SLg Krick Collection, Gaylord Music Library, St. Louis, Missouri
US.Wc Library of Congress, Washington D.C.
USSR.Ls M.E Saltykov-Schedrin State Public Library, Leningrad


Bibliografia