Stampa

Giulio Regondi

(1822-1872)

chitarrista prodigio e compositore romantico

G. Regondi

Giulio Regondi fu una delle figure principali del Romanticismo chitarristico. Nacque molto probabilmente a Ginevra, nel 1822 (altri 1824). Il padre, Giueseppe era di origini milanesi, mentre le madre di origini tedesche. Fu avviato alla musica e all'apprendimento della chitarra fin da giovanissimodal padre. Fu a otto anni che debuttò come bambino prodigio a Lione. In tale città si era spostata la famiglia, prima di muovere per Parigi, nell'aprile del 1830. Nella capitale francese ebbe immediati riconoscimenti, esibendosi nelle migliori sale da concerto, attività che lo rese famoso in tutto l'ambiente musicale. Nel maggio del 1831 si trasferì a Londra, insieme a tutta la famiglia. Era già un nome nel mondo del concertismo, e la sua notorietà fu rafforzata da una continua e positiva critica giornalistica da parte di tutte le riviste del tempo. L'attività concertistica si estese in pochi anni in tutta l'Inghilterra. Nel 1834 fu a Dublino, per esibirsi in importanti sedi concertistiche. Verso il 1835 Regondi cominciò ad interessarsi ad un nuovo strumento melodico a fiato, dal nome concertina, inventato da Wheatstone: spinto, anche in questo caso, dal padre, divenne un abile esecutore. Da tale momento si presentò spesso ai concerti con una doppia veste di concertista di chitarra e concertina. Negli anni 1840-41 Regondi si mosse per l'Europa, in duo con il violoncellista Joseph Ledel. Fu dapprima a Vienna, con una serie di dieci concerti, e successivamente si esibì a Monaco, Francoforte e Darmastadt. Nel febbraio 1841 fu a Praga. In seguito fu a Lipsia, dove si esibì per un concerto organizzato da Clara Schumann per la creazione di un fondo pensionistico per gli orchestrali della città.

Rientrato a Londra continuò l'attività concertistica in duo con la pianista Dulken, dal 1844 in poi. Nell'ottobre del 1846 tenne un concerto solista a Dresda, e nel novembre del 1847 si esibì a Liverpool.

Dal 1850 Regondi abbandonò quasi definitivamente la chitarra, per dedicarsi alla concertina, e per la quale pubblicò anche alcune opere. L'attività concertistica continuò fino al 1860, nelle principali città inglesi; dopo questo periodo si ritirò ad una vita privata. Morì a Londra il 6 maggio 1872.

Musicista votato al concertismo, fu un compositore per chitarra occasionale. Ha lasciato cinque lavori per (chitarra sola), che risultano di grande pregio strumentale ed artistico, pubblicati da André Regondi, dedicatario della Fantasia Op.46 "Souvenir d'amitié, per (chitarra sola), di Fernando Sor.

Guitar Works of Giulio Regondi

Modern Reviews

"Not to be confused with the first edition (1990), these pieces exist as a result of years of painstaking work by the editor. The first edition was based on xerox copies of the manuscript which is now owned by the editor. This has resulted in an incredible amount of detective work on the layers of ink and pencil to reveal more accurately what was actually set down and now a balanced version has been produced. The Etudes are now set down with the changes as per the actual m/s: apparently, many of these were invisible via xerox processing and if you already possess the previous edition, then there are many, many changes here in each item. Some of the changes, for example, refer to voice-stemming, others to finger selection, others to rests and accidentals and so on. Sufficient to say that the serious Regondi player will want to compare this immediately with what is already available. These wonderful works now have a new lease of life, the remarkable Etude 2 with the wealth of modulations, the poignant Etude 4 and the rippling Etude 8. All are tremendous studies and all work so well in a concert situation. They place the composer so high on the list of the best writers for the guitar, not to mention his position in the general music scene at the time. Many features here could be easily mistaken as a creation of Liszt, etc, and it is apparent that he made few concessions to the difficulty of the guitar. This is a fine collection, updated and well printed with as much information as one could wish for. Recommended." Neil Smith, Classical Guitar.

" ... These Etudes are truly outstanding examples of Romantic writing for the guitar, rich in harmony and texture, seductive in melody.
This new edition [Orpée edition, my note] represents the continuing researches of the editor, and the introductory notes tell a fascinating tale of musicological detective work (and some serendipitous fortune). You will enjoy reading the story. Every effort here has been made to find the "original intent" of the composer, peeling back successive layers of alterations to the manuscripts. To the casual glance, there are few differences from the prior publication, but closer scrutiny shows numerous differences in detail (both text and fingering). Some of the changes resolve questions I had regarding the earlier edition, but I believe there are still a few missing accidentals. The fingerings given shed valuable light on the instrumental and musical concepts of the composer, and are quite workable; nevertheless, they may not always be the very best choices for a particular modern performer  . . .

If you have not heard or played these beautiful pieces, by all means buy a copy. If you are serious about playing them, you might want to compare the two editions carefully; they both offer useful information, fingerings and interpretive ideas on the music." David Grimes, Soundboard.

Nota bibliografica