Stampa

Il primo Novecento chitarristico

1900-1950

Quest'epoca è caratterizzata dagli artisti di vaudeville, dei café-chantant e del gran varietà: si esibivano in tali ambiti molti dei chitarristi dell'epoca dei queli riportiamo una lista ancora incompleta, ordinata cronologicamente secondo la data di nascita.

Luigi L’Ecrivain (1856–1922), figura poliedrica di chitarrista-compositore e liutista romano, autodidatta

Carlo Munier (1859-1911), mandolinista, chitarrista e didatta fiorentino

Toto Amici (1864?-1934), il piiù popolare chitarrista romano dell'epoca

Luigi Mozzani (1869-1943), il più grande concertista e didatta dell'epoca

Alfredo Enrico Loreti (1870-?), compositore e chitarrista emigrato in Svizzera

Antonio Dominici (1872-1934), noto chitarrista e compositore palermitano

Tullio Giulietti (1873-1933), chitarrista e costruttore di chitarre romano trasferitosi a Milano, padre del virtuoso Giulio e del liutaio Armando

Nino De Pace (1880 circa, ?), fratello chitarrista del più noto mandolinista Bernardo De Pace, oltre a accompagnare quest'ultimo in svariate incisioni, fu anch'egli compositore per chitarra (alcuni suoi brani sono pubblicati da Monticone).

Silvio Ranieri (1882, ?) mandolinista e chitarrista romano, trasferitosi a Bruxelles.

Carlo Reineri (1884-1943) chitarrista e didatta torinese, molto popolare.

Pasquale Taraffo (1887-1937), staordinario virtuoso genovese della chitarra con 6 + 8 corde aggiunte.

Maria Rita Briondi (1889-1941), importante chitarrista e musicologa di Rimini.

E' questa un'area oggetto di ricerche e che forse riserverà ancora notevoli sorprese, come testimoniato dal recente volume dedicato alla memoria di Romolo Ferrari, massima figura di compositore e musicologo modenese.

Romolo Ferrari, volume Mucchi 2009