Just Classical Guitar Club

il club degli amanti della chitarra con corde di nylon

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
E-mail Stampa PDF

Giuseppe Branzoli

(1845 - 1909)

Branzoli, storico concerto del 1889Giuseppe Branzoli nacque a Cento il 5 Aprile 1835, o secondo lo Schmidl e B. Terzi, a Imola nel 1845, morì a Roma nel 1909 oppure nel novembre 1904 secondo B. Terzi, op. cit.

Si stabilì a Roma nei primi anni di vita, e qui studiò chitarra, mandolino, viola e composizione. Si appassionò inoltre alla liuteria, divenendo presto esperto in questa disciplina. Come violista fu attivo in alcune orchestre e dal 1858 divenne membro dell'Accademia filarmonica romana, partecipando con essa a numerose manifestazioni musicali, in qualità di strumentista e autore.

Divenne anche professore dell'Accademia di S.Cecilia. Nella stagione estiva del 1860 si esibì come violinista alla Filarmonica; in uno dei concerti domenicali a palazzo Lancellotti venne eseguito un Trio di sua composizione, mentre alla fine di Luglio fu eseguita una sua opera, scritta su libretto della giovane contessa Teresa Gnoli, dal titolo Torquato Tasso a Sorrento. L'opera piacque molto, anche per la buona interpretazione degli artisti, specialmente del tenore C. Negrini, ma non risulta abbia avuto successive rappresentazioni.

Apprezzato per la sua attività di musicista, di concertista e di studioso, il Branzoli nel 1889 organizzò sempre alla Filarmonica, un concerto storico di musica teatrale, nel quale vennero eseguite musiche di Giulio Caccini e Claudio Monteverdi, con strumenti del 600 (una manifestazione del genere indica una cultura e un gusto artistico veramente notevoli, soprattutto se si considerano i programmi del tempo che spesso, oltre ad essere frammentari, proponevano, accanto a celebri composizioni, musiche di scarso interesse).

Intenditore di strumenti musicali egli iniziò una raccolta per l'Accademia di S.Cecilia, nella biblioteca della quale, nel 1896, occupò un incarico direttivo che conservò fino alla morte, avvenuta a Roma il 21 Gennaio 1909.

Delle numerose composizioni (per la maggior parte pezzi per mandolino e pianoforte, fantasie descrittive per 2 mandolini, mandola e pianoforte o chitarra, romanze per canto e pianoforte, ecc.) stampate a Roma, a Firenze e Milano, si ricordano Lieti Momenti, raccolta di 8 divertimenti per mandolino o violino con acc. di pianoforte, Firenze, senza data; Rimenbranze dell'opera Orfeo di G.C. Gluck per mand. e pf., Firenze, s. d.; una trascrizione facile per pianoforte della stessa opera, Firenze, s.d.; Inno all'Italia di C. D'Ormeville, per coro all'unisono (canto e pf.), Roma 1893 e 1894. Presso la biblioteca di S.Cecilia in Roma si conservano i seguenti manoscritti di musica strumentale: Quintetto con pianoforte (Acc. ms. 3133); Fantasia per clarino e pianoforte (Acc. ms. 3189); Fantasia per tromba e orchestra (Acc. ms. 3238) e Sinfonia a piena orchestra (partitura, Acc. ms. 3269), oltre a una trascrizione e messa in partitura di un madrigale a 6 voci, Ho visto il pianto mio, di T.Massarini, pubblicato a Venezia dal Gardano nel 1604 (Acc. ms. 855).

Quando morì era direttore de Il Mandolino romano e bibliotecario del Reale Liceo di S. Cecilia di Roma.

Come studioso e didatta scrisse le seguenti opere:

  • Metodo Teorico-Pratico per mandolino napoletano o romano. In due parti, stampato a Firenze e a Roma, senza data, che ottenne larga diffusione riscuotendo particolare successo e fu premiato con medaglia d'oro all'Esposizione internazionale di musica di Bologna nel 1888 e al Palazzo dell'industria a Parigi nel 1890. Venne tradotto in varie lingue e più volte ristampato a Milano
  • Metodo Teorico-Pratico per mandolino napoletano o romano / Distribuito in 168 lezioni progressive con sonatine e duetti), ristampa a Milano del titolo precedente (completato con il titolo) fino al 1967;
  • Ricerche sullo studio del Liuto, Roma 1889;
  • Sunto storico dell'intavolatura: Metodo pratico per suonare il Liuto corredato da antiche melodie tratte da celebri autori, Roma s.d. e Firenze 1889; Manuale storico del violinista, Firenze 1894.
  • Metodo teorico pratico per chitarra, Firenze 1905 e Milano 1942 con doppio testo a fronte, italiano e francese
  • Metodo teorico-pratico per mandolino lombardo distribuito in 98 lezioni, Firenze, s.d. poi 1906;
  • La scuola della velocità per il mandolino (scioglidita), Firenze, s.d.
  • Miscellanea musicale: raccolta di articoli pubblicati in alcuni periodici musicali con l'aggiunta di importanti note, Camerino, 1882;
  • Dell'Udito, Schediasmi Musicali, Bologna-Roma 1894 (Conferenza tenuta in Bologna, Sala dei Fiorentini, 5 Marzo 1891) e infine
  • Giuseppe Verdi, appunti e aneddoti, in "Giornale arcadico", s. 3, IV (1901), quaderno 38, pp. 149-157.

Opere per chitarra

  1. Metodo teorico pratico per chitarra, Firenze 1905 e Milano 1942 (ed. Curci)
  2. G. Branzoli, Serenata (trascr. di L. Silvestri)
  3. Margherita, polka per quartetto a plettro, Monzino e Figli, 1922

Branzoli, Intavolature di liuto

Branzoli, Barcarola [ms 1950 circa]

G. Branzoli: Metodo teorico pratico per chitarra (Coll. M.Bazzotti)

 


G. Branzoli: Metodo teorico pratico per chitarra (Coll. M.Bazzotti)

G. Branzoli, frontespizio di Ricerche sullo Studio del Liuto

Bibliografia

 

  • Philip J. Bone, The guitar and mandolin : biographies of celebrated players and composers for these instrument, Londra Schott, 1954 (II ed.)
  • Mario Bacci, Pionieri del movimento mandolinistico, Giuseppe Branzoli (1845-1909), in Il Plettro n. 6 XXXIV, giugno 1940
  • Benvenuto Terzi, Dizionario dei chitarristi italiani, 1937 Ed. "La Chitarra", ristampa 2008, Edizioni Villadiseriate
  • Biografia su FederMandolino
  • Maria Rita Brondi, Il Liuto e la Chitarra. Ricerche storiche sulla loro origine e sul loro sviluppo. F.lli Bocca, Turin, 1926, pp. 182 (Facsimile edit., Forni, Bologna 1979, 174 pag., Rist. Turris)