Stampa

Costantino Bertucci

(1841-1931)

mandolinista e chitarrista romano

Bertucci, dal BoneNel Dizionario Biografico degli italiani si legge: "Nato a Roma nel 1841, si hanno scarsissime notizie sulla sua giovinezza: si presume che abbia iniziato abbastanza presto lo studio della musica poiché le sue prime composizioni risalgono al 1870 circa. Dedicatosi essenzialmente allo studio del mandolino, in breve tempo ne divenne virtuoso. ...pubblicò nel 1885 a Milano un Metodo per mandolino, diviso in tre parti: in esso, oltre alla sezione rigidamente didattica, erano descritte le modifiche apportate allo strumento; modifiche sostanziali, ottenute dopo anni di studio assiduo e accurato, che determinarono una radicale trasformazione nella tecnica e negli effetti sonori ed espressivi, mai prima raggiunti. [...]
Insegnante valentissimo, il Bertucci formò allievi eccellenti sia in Italia sia all'estero: con un'orchestra di allieve diede spesso concerti anche al Quirinale alla presenza dei reali d'Italia e con un doppio quartetto mandolinistico istituito nel 1878 si recò a Parigi per l'Esposizione mondiale, riportando grande successo. Nel 1901 fu a Berlino e in altre capitali europee. Compositore di buon gusto, le sue opere furono pubblicate in prevalenza dall'editore Ricordi a Milano; poche sono datate, ma si presume che siano state edite fra il 1870 e il 1900.
[...] Il Bertucci morì a Roma il 30 aprile 1931.

Per noi è essenzialmente noto quale insegnante del chitarrista e compositore Antonio Amici, il chitarrista romano più popolare della sua epoca.