Just Classical Guitar Club

il club degli amanti della chitarra con corde di nylon

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
E-mail Stampa PDF

Figure di transizione nel passaggio dall'Ottocento al Novecento

Tra i chitarristi compositori vissuti e operanti tra i due secoli, per lo più di mandolinisti che si dedicarono con minore per quanto riguarda l'attività per la chitarra, ovvero le seguenti figure.

Giuseppe Branzoli (1835?-1909?)

Giovanni Navone di Domenico (1839-1907)

Giovanni Navone di Vittorio (1855-1913)

Costantino Bertucci (1841-1931)

Giuseppe Bellenghi (1844-1902)

Giorgio B. Marchisio (1835-?), un professore torinese attivo a Londra, autore di un metodo per chitarra;

Domenico Meriglio (1850-?), fu compositore e organista nato a Vercelli il 25 ottobre 1850, cieco dall'età di 6 anni, compose pezzi di musica sacra e anche molta musica per mandolino e chitarra, ed ebbe anche fiorente scuola dei due strumenti.

Enrico Marucelli (1877-1907), fiorentino anch'egli attivo a Londra, mandolinista, chitarrista e compositore

Isidoro Angelo Figliolini (1877-1955), mandolinista e chitarrista di Vercelli, didatta

Vittorio Monti (1868-1925), famoso mandolinista, direttore e compositore (Czardas), curò l'accompagnamento di chitarra da varie canzoni di Tosti, oltre a comporre varie canzoni francesi con chitarra.

Si tratta per lo più di mandolinisti che si dedicarono alla chitarra, nell'epoca d'oro del mandolino.