Just Classical Guitar Club

il club degli amanti della chitarra con corde di nylon

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
E-mail Stampa PDF

Manlio Biagi

(1896-1942)

Manlio BiagiManlio Biagi, nativo di Terni, visse poi per lunghi anni a Milano, inserendosi splendidamente nella vita musicale della città, in quegli anni ricca di fermenti musicali, contribuendo attivamente al repertorio originale di chitarra, mandolino e strumenti similari (chitarra hawaiana, ukulele) con moltissime pubblicazioni per l’editore Monzino e Garlandini e le riviste il Plettro (Campane a Festa / scherzo) e La Chitarra (Piccola serenata).

A lui si debbono alcune tra le prime interpretazioni di musiche di N. Paganini di brani originali per chitarra sola, che furono trasmessi per radio dal 1940.

Effettuò anche moltissime trascrizioni, tanto che i suoi numeri d'opera arrivano a oltre 250.

In un articolo pubblicato da Giulio Vio su La Chitarra si legge:

"E’ nato a Terni nel 1896. Fino dalla più tenera età dimostrò una grande passione per il nostro instrumento, in modo cosi spiccato da indurre l'allora celebre chitarrista Benedetto Calvaruso, suo vicino di casa, a prenderlo in considerazione, ad amarlo come figlio e ad insegnargli gratuitamente tutto quanto era possibile a lui di insegnare.

Ben presto il ragazzo fu in grado di interpretare tutto il repertorio del Maestro ed ancora undicenne -— assieme ad un'altra giovanissima allieva — prese parte ad un concerto svoltosi all'accademia Pischetti, alla presenza della Regina Margherita, che complimentò molto ed incoraggiò l’adolescente artista. Si produsse poi in altri concerti al pubblico, riscuotendo tutte le simpatie e lei manifestazioni di elogio che si prodigano sempre ai fanciulli prodigio.

Ma non v'e rosa senza spine: al padre questi trionfi non garbavano punto, e, visto che gli ammonimenti di desistere dall’arte musicale, non sortivano effetto alcuno, senza tener conto delle preghiere e delle lagrime della mamma e della disperazione del ragazzo, dopo avergli fatto a pezzi l’istrumento, lo allontanò da casa, allogandolo presso un'officina elettrotecnica perché imparasse un'arte — secondo lui — più proficua e più sicura. Quel babbo aveva intuito l'avvento della radio.

Che poteva fare ormai il giovanetto artista?

Acconciarsi al destino.

Così fece. Ma finita la guerra, rientrato nella vita normale, libero e ormai padrone della sua volontà, segui, con tutto il fervore possibile, la sua inclinazione. Studiò indefessamente sotto la buona guida del maestro Pasculli e si trovò presto in condizione di dirigere delle piccole orchestro, di dedicarsi alle Varietà, ai concerti, alla composizione ed all'insegnamento. Non è questo il caso di dilungarsi molto, ma non si possono passare sotto silenzio le lodi che egli ebbe dal maestro Puccini e gli elogi

di molte personalità. Scrisse 230 pezzi per chitarra sola, di cui 42 pezzi originali e 79 trascrizioni, tutti pubblicati dalla ditta Monzino ed altre case musicali. Gli altri pezzi sono inediti. Compose pure moltissimi quartetti."

Composizioni originali per chitarra

  1. A Mia Madre (Preghiera), Monzino & Garlandini, chit. sola
  2. Arietta Con Variazioni da un tema di Paganini, Monzino & Garlandini, chit. sola
  3. Arnaldo (Valzer), Monzino & Garlandini, chit. sola
  4. Campane A Festa (Scherzo), Il Plettro [Nr.2/1942], chit. sola
  5. Capriccio Orientale, Monzino & Garlandini, chit. sola
  6. Chitarra Gentile (Serenata), Monzino & Garlandini, chit. sola
  7. Cordoba (Tango), Monzino & Garlandini, chit. sola
  8. Flora (Passo Spagnolo), Monzino & Garlandini, chit. sola
  9. Gioia (Valzer), Monzino & Garlandini, chit. sola
  10. Italia Bella (Marcia), Monzino & Garlandini, chit. sola
  11. La Fata Bionda (Sinfonia), Monzino & Garlandini, chit. sola
  12. La Fata Bruna (Sinfonia), Monzino & Garlandini, chit. sola
  13. La Filatrice (Pezzo caratteristico), Monzino & Garlandini, chit. sola
  14. La Mezzanotte, Monzino & Garlandini, chit. sola
  15. Lina (Mazurca), Monzino & Garlandini, chit. sola
  16. Lucia (Mazurka), Monzino & Garlandini, chit. sola
  17. Lyda (Mazurka), Monzino & Garlandini, chit. sola
  18. Mille E Una Notte (2 fiabe Arabe), Monzino & Garlandini, chit. sola
  19. Minuetto Azzurro, Monzino & Garlandini, chit. sola
  20. Minuetto Rosa, Monzino & Garlandini, chit. sola
  21. Mitzi, Monzino & Garlandini, chit. sola
  22. Notte Sul Mare (Variazioni), Monzino & Garlandini, chit. sola
  23. Notte Triste (Melodia), Monzino & Garlandini, chit. sola
  24. Paoletta (Mazurka), Monzino & Garlandini, chit. sola
  25. Per Tuo Ricordo (Valzer), Monzino & Garlandini, chit. sola
  26. Per Un Bacio, Monzino & Garlandini, chit. sola
  27. Preludio, Monzino & Garlandini, chit. sola
  28. Ricordi Di Merano, Monzino & Garlandini, chit. sola
  29. Ricordi Di Napoli (Variazioni sul tema «Santa Lucia»), Monzino & Garlandini, chit. sola
  30. Rosetta (Polka), Monzino & Garlandini, chit. sola
  31. Sogno (Fantasia da concerto), Monzino & Garlandini, chit. sola
  32. Speranza (Tango) op. 142, Monzino & Garlandini, chit. sola
  33. Vento, Pioggia, Bello, Monzino & Garlandini, chit. sola
  34. Verde Umbria (Fantasia), Monzino & Garlandini, chit. sola
  35. Voluttuosa (Mazurka), Monzino & Garlandini, chit. sola
  36. Hawaii paese dei miei sogni, Monzino & Garlandini, chit. Hawaiana e chit. regolare
  37. Rose A Rosa (Valzer) (2 chit), Monzino & Garlandini, 2 chit.

Trascrizioni per chitarra

  1. Charlot, one step (D. Pancaldi), Monzino & Garlandini, chit. sola
  2. Serenata Lombarda (A. Alfieri), Monzino & Garlandini, chit. sola
  3. Campana dei caduti (Di Lazzaro), Monzino & Garlandini, chit. sola
  4. Casetta bianca, tango (P. Madonini), Monzino & Garlandini, chit. sola
  5. Leggenda valacca (G. Braga), Monzino & Garlandini, chit. sola
  6. Preludio n.3 (J.S. Bach), Monzino & Garlandini, chit. sola
  7. Voi sola, Valzer (A. Badiali), Monzino & Garlandini, chit. sola
  8. Mosè, preghiera nell'opera (G. Rossini) , Monzino & Garlandini, chit. sola
  9. Piccola serenata, La Chitarra (1936), chit. sola
  10. Serenata (F. Schubert), Monzino & Garlandini, chit. sola
  11. Notturno op. 9 n. 2 (F. Chopin), Monzino & Garlandini, chit. sola
  12. Berceuse (R. Schumann), Monzino & Garlandini, chit. sola
  13. Sonata patetica - Adagio (L. Beethoven), Monzino & Garlandini, chit. sola
  14. Hanni and Lula, valzer, Monzino & Garlandini, chit. Hawaiana
  15. Chant du Printemps (F. Mendelssohn), Monzino & Garlandini, chit. sola
  16. Il pianto di una fanciulla (Schubert), Monzino & Garlandini, chit. sola
  17. La Giovine madre (Schubert), Monzino & Garlandini, chit. sola
  18. Ninna Nanna (Schubert) op. 217, Monzino & Garlandini, chit. sola
  19. Per Elisa, pagina d'album (Beethoven) op. 213, Monzino & Garlandini, chit. sola
  20. Marcia turca (Mozart), Monzino & Garlandini, chit. sola
  21. Rondo (Mozart), Monzino & Garlandini, chit. sola

Nota bibliografica

G. Vio, Artisti e cultori della Chitarra / Manlio Biagi, in «La Chitarra», anno III, n. 11, novembre 1936, pp. 2-3

A. Vizzari, La morte del chitarrista Biagi, da «il Plettro» N°. 4 Anno XXXVI, Aprile 1942, p. 8

Figure che scompaiono / Manlio Biagi, da «La Chitarra», anno IX, n. 5-6, maggio-giugno 1942, p. 21-22

Roberto Fabbri, Manlio Biagi: La chitarra da caffè negli anni trenta, in Chitarre n°249, novembre 2006