Just Classical Guitar Club

il club degli amanti della chitarra con corde di nylon

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
E-mail Print PDF
There are no translations available.

Miguel Ablóniz

(1917-2001)

 

Miguel Abloniz, posizione dei 4 miMiguel Ablòniz è il nome d'arte di un chitarrista nato in Grecia (di nome Michele Ablonitis) e trapiantato dapprima al Cairo e quindi naturalizzato in Italia, residente dal 1951 ( o dal 1953) a Milano.

Alboniz studò nel 1937 con Emilio Pujol, privatamente per un anno alla Escuela Municipal de Musica di Barcellona, ed in seguito anche con Juan Parras Del Moral.

Tra le sue numerose opere e trascrizioni e revisioni per chitarra, le prime pubblicate sulla rivista storica La Chitarra (e poi ne L'arte chitarristica), poi edite principalmente da Bèrben (alcune da Metron di Milano), sono divenuti popolari i brani Recuerdo Pampeano (ovvero il primo dei Tres Ritmos Sudamericanos), Tanguillo (dedicato all'amico Romolo Ferrari e inciso più volte a partire dall'incisione di William Gomez nel 1967), Tarantella burlesca, la Pequeña Romanza, che fu eseguita per la prima volta al Conservatorio Perpignan il 3 dicembre 1948, dalla sua estimatrice Ida Presti e varie altre pagine.

La sua fama è legata soprattutto all'Antologia per chitarra, Ricordi del 1961 per la quale curò l'edizione di otto pezzi su nove. A buon diritto è considerata rappresentare una pietra angolare del nuovo repertorio chitarristico di matrice post-segoviana.

Essa contiene Hommage à Alonso Mudarra di Georges Auric, l’Estudo n.° 1 di Mozart Camargo Guarnieri (bellissimo brano, revisionato, non senza sollevare critiche, dal brasiliano Isaias Savio), lo Studio da Concerto di G.F. Ghedini, Preludio di G. F. Malipiero, Suoni notturni di Goffredo Petrassi, Sarabande (1960) di Francis Poulenc, En Tierras de Jerez di J. Rodrigo, Soliloque (in ricordo a Manuel De Falla) di Henry Sauguet e Sonatina di Carlos Surinach.

Tra i suoi allievi vi sono molti grandi solisti come Aldo Minella, o musicisti pop quali Riccardo Zappa.

Antologia per chitarra (Ricordi, 1961)

Opere principali di Miguel Ablóniz

2 Ricercari Moderni (Ricordi), 2 Sambas (Bèrben), 4 Preludi (Ricordi), An Incorrigibile Dreamer (Bossa Nova) (Bèrben), Back From Pernambuco (Bossa Nova) (Bèrben), Bailecito (Armonia), Brazilian Games (Bèrben), Brazilian Ragtime (Bèrben), Bulería Gitana (Ricordi), Capriccio Flamenco (sul tema "El Vito") (Bèrben), Capriccio N.3 (1954 - Armonia), Chôrinho (1959 - Ricordi), Chôro no.1 e 2 (Metron), Cowboy Melody (based on "Colorado Trail") (Ricordi), Due capricci (Bèrben), Giga (Ricordi), Guitar Chôro (Bèrben), Guitar Serenade (1959 - Ricordi), Improvvisazione (Omaggio a Villa-Lobos) (1955 - Ricordi), Malagueña (Capriccio) (Bèrben), Moods (Jazz in Bossa Nova) (Bèrben), Multiple Thinking (Bèrben), Partita in Mi (Ricordi), Polo (Ricordi), Prelude & Guitar Bossa (Bèrben), Quattro Bagatelle (Bèrben), Romantic Bossa (Bossa Nova) (Bèrben), Sequential (Bèrben), Tango Andaluz (Ricordi), Tanguillo (Bèrben), Tarantella Burlesca & Bossa Nova (Bèrben), Tres Gitanerías (1960 - Ricordi), Tres Ritmos Sudamericanos (Bèrben), Valsette e Marcetta (Ricordi), You And Me (Waltz & Samba) (Bèrben)